Agosto periodo di ferie. Chiuso per ferie.

Molti mi chiedono se andrò in ferie.

La risposta è semplice non andrò in ferie. Non per scelta personale ovviamente ma per impegni di lavoro e ritardi accumulati nelle mie molteplici attività.

Non so forse un giretto lo farò la settimana di ferragosto ma non ho ancora programmato nulla.

In Agosto non potrete godere della classica reattività di riposta del Genky quindi se non rispondo entro le 24 ore pensa che è agosto e non esagerare.

Mi godo i Weekend e le feste estive in zona (quindi cellulari spenti, niente internet e nessun recapito).

Non è un bel periodo e spero che passi in fretta e che tutto si sistemi per il meglio. Eventualmente un giretto nell’altro emisfero in inverno non me lo toglie nessuno.

Buone ferie a tutti

Genky

Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da Genky . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

6 pensieri su “Agosto periodo di ferie. Chiuso per ferie.

  1. ALLEEGO ARTICOLO DE "IL GAZZETTINO" (Barbara Turetta) e la mia rispota su "IL MATTINO"

    (non sapevo dove posizionarlo, per cui ho preso la prima pagina ke mi è venuta sottomano.grazie

    SACCOLONGO L’assessore contro l’ex vicesindaco di An ora passato all’opposizione. Per l’asilo 90mila euro dalla Regione

    Rossato difende il piano Astor e bacchetta Pezzano

    Saccolongo

    (Ba.T.) L'assessore comunale Livio Rossato interviene sul piano Astor, ritornando anche sulla vicenda del ritiro delle deleghe all'ex vicesindaco Girolamo Pezzano , passato poi all'opposizione con l'uscita di An dalla maggioranza.

    In merito al programma di riqualifica dell'area dell'Astor, dove saranno ricavati 130 unità abitative, spazi commerciali e il nuovo asilo nido comunale, argomento che in consiglio ha sollevato le osservazioni dei gruppi di opposizione e del consigliere di Pezzano , Rossato precisa che la giunta Regionale ha approvato il piano apportando modifiche soprattutto di carattere urbanistico, senza contestare lo schema di convenzione e gli oneri previsti. Il contributo regionale per l'arredamento dell'asilo nido è di 90.000 euro.

    Sulla vicenda dell'ex vicesindaco, l'assessore invece precisa: «Il consigliere Pezzano non si è staccato dalla maggioranza perché An ha tolto l'appoggio, sta di fatto che ben tre consiglieri di An, di cui uno capogruppo e l'altro assessore con tutte le deleghe di Pezzano , meno quella di vicesindaco, collaborano con il sindaco. La verità è che, rimanendo inevasa la richiesta insistente di avere la delega ai lavori pubblici, An ha messo in atto la denuncia sul Prg, votato da Pezzano . Il consigliere non si è staccato perché An ha tolta la fiducia. Se così fosse avrebbe dato le dimissioni immediatamente senza aspettare la revoca delle deleghe da parte del sindaco. Attribuire la colpa al sottoscritto e a Forza Italia mi sembra puerile se non becero. Ricordo che Pezzano ha votato a favore del Piruea con relativa convenzione, si guardino le delibere di consiglio del 15 dicembre del 2003 e del 23 aprile del 2004. Il consigliere, allora capogruppo della lista "Costruire Insieme", ha approvato e votato la delibera del comparto centrale e relativa convenzione, le cui conseguenze negative ora tanto contesta».

    RISPOSTA SU "IL MATTINO" (Luisa Morbiato)

    Polemiche sull’ex Astor

    SACCOLONGO. Non ci sta l’ex vicesindaco Girolamo Pezzano, ora passato all’opposizione, ad incassare le critiche dell’assessore Livio Rossato. Anzi rispedisce al mittente le parole che non ha gradito, accusando il membro della giunta di mentire. Pomo della discordia il Piruea, piano di riqualificazione urbanistica e ambientale relativo alla zona ex Astor. «L’assessore Rossato mente sapendo di farlo – incalza Pezzano – afferma sostanzialmente che la Giunta regionale ha apportato delle modifiche soprattutto di carattere urbanistico alla convenzione per l’area Astor. Va detto che essendo la convenzione un documento che viaggia di pari passo con il progetto, quella votata nel 2004 non può essere la stessa votata lo scorso giugno». Ma il consigliere di minoranza osserva anche che l’assessore ha superato se stesso nel mentire, quando afferma che lo stesso Pezzano avrebbe votato la convenzione nel 2003, quando era vicesindaco. Perché in quell’anno è stato sottoposto al voto solo un parere preventivo che riguardava l’Astor, che riporta anche alcune perplessità dello stesso Rossato in merito all’aspetto urbanistico della questione. L’adozione del piano è avvenuta infatti nell’aprile del 2004 all’unanimità. «Tutto ciò è la prova che le sue parole nei miei confronti non hanno nulla di politico ma sono semplicemente un puerile se non becero attacco personale – sottolinea Pezzano – la mia sola colpa è di aver criticato anche di recente durante il Consiglio comunale i suoi comportamenti. Ma sappiamo che lui è fatto così». (l.m.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *